logo Comune di SantAnastasia
Risultati Consultazione

SENATO 2018

Dati Provvisori suscettibili di modifica. I dati hanno puramente titolo informativo
Nuovo sistema elettorale - come si vota

Il 4 marzo 2018 gli italiani saranno chiamati alle urne per rinnovare il Parlamento per la prima volta con la nuova legge elettorale, il Rosatellum, un sistema misto parte proporzionale e parte maggioritario. Vediamo nei dettagli come si vota e come funziona la scheda elettorale.



Come funziona il Rosatellum

Il Rosatellum è un sistema misto maggioritario e proporzionale, che prevede 232 collegi uninominali per la Camera e 116 per il Senato, ciascuno dei quali avrà il proprio vincitore, a cui vanno aggiunti i collegi proporzionali – 63 per la Camera, 34 per il Senato – che eleggeranno i restanti parlamentari e 18 i deputati e senatori eletti nella circoscrizione Estero.

I seggi vengono assegnati nei collegi uninominali al candidato che ottiene il maggior numero dei voti. Nei collegi plurinominali vengono eletti più candidati, secondo l’ordine di presentazione nelle liste e nei limiti dei seggi ai quali ciascuna lista ha diritto in proporzione ai voti ottenuti dal singolo partito o coalizione. I partiti possono presentarsi da soli o in coalizione. Lo sbarramento è al 3% per le singole liste e al 10% per le coalizioni. Se una lista non raggiunge il 3% ed è parte di una coalizione, i voti vengono dirottati al partito prevalente all’interno dell’alleanza.

Come si vota

Il voto è unico e non è prevista la possibilità del voto disgiunto. La scheda elettorale è la stessa sia per la Camera che per il Senato.

Nella scheda è recato il nome del candidato nel collegio uninominale e il contrassegno di ciascuna lista o coalizione di liste per il collegio plurinominale. I contrassegni delle liste hanno riportati a fianco i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale.

  • Il voto è espresso tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Ecco le istruzioni per votare:

  •  il voto espresso tracciando un segno sul contrassegno della lista vale anche per il candidato uninominale collegato, e viceversa;

  • il voto espresso tracciando un segno sul nome del candidato uninominale collegato a più liste in coalizione, viene ripartito tra le liste in proporzione ai loro voti ottenuti nel collegio

  • se l’elettore traccia un segno sul rettangolo contenente il nominativo del candidato del collegio uninominale e un segno sul sottostante rettangolo contenente il contrassegno della lista, il voto si considera comunque valido a favore sia del candidato uninominale sia della lista

  • se l’elettore invece traccia un segno sul contrassegno e un segno sulla lista di candidati nel collegio plurinominale della lista medesima, il voto si considera valido a favore sia della lista sia del candidato uninominale

  • se l’elettore traccia un segno sul rettangolo contenente il nominativo del candidato uninominale e un segno su un rettangolo contenente il contrassegno di una lista cui il candidato non sia collegato, il voto si considera nulla.

Per la scheda elettorale è previsto un tagliando antifrode per le schede elettorali, ossia un tagliando rimovibile con un numero progressivo, che sarà annotato prima che l’elettore entrerà nella cabina per votare.


  
Per rendere questo servizio migliore puoi inviare segnalazioni/suggerimenti a questo indirizzo
[Eleonline 2.0 rev 276 - gestione risultati elettorali ]